Che cos’è il “Bonus Sociale” per l’energia elettrica?Il cosiddetto “Bonus Sociale” è l’agevolazione della spesa sostenuta dai clienti domestici per la fornitura di energia elettrica. Il Bonus Sociale è stato introdotto dal Governo con Decreto 28/12/2007 con l’obiettivo di sostenere le famiglie in condizione di disagio economico, garantendo loro un risparmio sulla spesa annua per energia elettrica. Il Bonus è stato introdotto anche per le famiglie presso le quali vive un soggetto in gravi condizioni di salute e in possesso di apparecchiature domestiche elettromedicali necessarie per l’esistenza in vita.Chi ne ha diritto?Possono accedere al Bonus Sociale, secondo quanto stabilito dal Decreto Interministeriale 28 Dicembre 2007, tutti i Cittadini clienti domestici intestatari di una fornitura elettrica nell’abitazione di residenza, con potenza impegnata:-        fino a 3 kW, per un numero di persone residenti fino a 4,-        fino a 4,5 kW per un numero di persone residenti superiori a 4Con Decreto del Ministero dello Sviluppo Economico del 29/12/2016, a partire dal 1 gennaio 2017 il valore ISEE (di cui all’articolo 2 comma 4 del Decreto Interministeriale del 28 Dicembre 2007) per l’accesso al bonus è stato aggiornato:a)   con valore dell’indicatore fino a €   8.107,50,b)   con valore fino a € 20.000 per i nuclei familiari con quattro e più figli a carico. L’ISEE (Indicatore di situazione economica equivalente) è uno strumento largamente utilizzato in Italia per l’accesso a prestazioni assistenziali o a servizi di pubblica utilità e permette di misurare la condizione economica delle famiglie, tenendo conto del reddito, del patrimonio immobiliare, dei titoli posseduti (conti correnti, azioni, BOT e simili) e del numero di componenti della famiglia.Hanno inoltre diritto al Bonus Sociale per disagio fisico tutti i clienti elettrici presso i quali vive un soggetto affetto da grave malattia, costretto ad utilizzare apparecchiature elettromedicali necessarie per il mantenimento in vita. In questi casi, per avere accesso al Bonus, il cliente finale deve essere in possesso di un certificato ASL che attesti:a)   la necessità di utilizzare apparecchiature per il mantenimento in vita;b)   il tipo di apparecchiatura utilizzata;c)   l’indirizzo presso il quale l’apparecchiatura è installata;d)   la data a partire dalla quale il cittadino utilizza l’apparecchiatura. I due Bonus sono cumulabili qualora ricorrano i rispettivi requisiti di ammissibilitàA quanto ammonta il Bonus Elettrico? Il Bonus Sociale per l’energia elettrica consente alle famiglie in condizioni di disagio economico e alle famiglie numerose un risparmio pari a circa il 20% della spesa annua presunta (calcolata per famiglia tipo e al netto delle imposte). Il valore dell’agevolazione varia a seconda del numero dei componenti della famiglia. 

Descrizione Anno 2017 Anno 2018 
 Numerosità familiare 1-2 componenti112125
 Numerosità familiare 3-4 componenti137 153
 Numerosità familiare  oltre 4 componenti165 184

 Il valore del Bonus elettrico è aggiornato annualmente dall’Autorità per l’energia elettrica e il gas entro il 31 dicembre dell’anno precedente. Per conoscere tutti gli aggiornamenti è possibile visitare il sito dell’Autorità.·   Modulistica per presentare istanza di ammissione al Bonus elettricoCon la Delibera 402/2013/R/COM del 26 Settembre 2013 l’Autorità per l’Energia Elettrica ed il Gas ha approvato il “Testo Integrato delle modalità applicative dei regimi di compensazione della spesa sostenuta dai clienti domestici disagiati per le forniture di energia elettrica e gas che contiene la disciplina dei bonus elettrico e gas per i clienti domestici in condizione di disagio economico e/o fisico” (TIBEG) che raccoglie in un testo unico le disposizioni inerenti il bonus elettrico e il bonus gas. Come previsto dal TIBEG a partire dal 01/01/2014 le richieste di ammissione alla compensazione per il bonus elettrico e il bonus gas potranno essere presentate congiuntamente utilizzando un modulo unico con i dati di entrambe le forniture qualora il punto di prelievo e il punto di riconsegna siano collocati allo stesso indirizzo di residenza (Articolo 3.3 “Modalità di richiesta delle compensazioni” del TIBEG).
Per richiedere il bonus occorre compilare l’apposita modulistica e consegnarla al Comune I moduli sono scaricabili da questa pagina o dal sito dell’Autorità per l’Energia Elettrica ed il Gas.

Allegati

Print Friendly, PDF & Email